banner chiese monumenti vp

Eremo di Sant'Onofrio al Morrone

 L’eremo di Sant’Onofrio al Morrone, incastonato nella roccia, si raggiunge partendo da un sentiero che inizia poco dopo la contrada Brecciarola di Serramonacesca, a circa 700 m. d'altezza, e attraverso una scalinata scavata nella pietra che è piacevole percorrere anche per i profumi della ginestra, del timo e dell’alloro che provengono dalla macchia mediterranea. 

 

 

Panorama dall'Eremo di Sant'Onofrio al Morrone

Eremo di Sant'Onofrio al Morrone

Protetto da un masso, l’eremo di Sant’Onofrio al Morrone, che sembra reggersi miracolosamente in una parete vertiginosa, fu l’ultimo fatto costruire da fra’ Pietro dopo il 1290. Vi si stabilì nel 1293 dopo aver lasciato il più selvaggio eremo di San Giovanni all'Orfento e vi restò per un anno, fino all’elezione a pontefice, per tornarci di nuovo dopo la rinuncia al papato, anche se per poco. Probabilmente prima della costruzione della chiesetta frà Pietro ne usò la grotta e alcuni locali soprastanti. Dopo l’abolizione di alcuni ordini monastici nel 1807, l’eremo di Sant’Onofrio al Morrone è stato a lungo abbandonato ed ha sofferto molti danni durante la seconda guerra mondiale La ricostruzione ne ha cambiato l’aspetto. Le dimensioni del nucleo originario erano sicuramente inferiori rispetto a quelle odierne, soprattutto in altezza.

L’oratorio, cui si accede dall’ingresso del piazzale ha una volta azzurra coperta di stelle mentre alle pareti spiccano pregiati affreschi duecenteschi raffiguranti la Crocifissione di Cristo, la Vergine con il Bambino, i busti di tre Santi e sulla parete di sinistra lo stessopapa Celestino V. La tradizione racconta che Pietro, raggiunto dalla notizia della sua elezione, vide il Crocifisso dinanzi al quale pregava accennare con il capo e solo allora pronunciò queste parole:"Do il mio assenso ai voti del Sacro Collegio ed accetto il Sommo pontificato. Mi aiuti il Signore a portarne il gravissimo giogo”.

Dopo l’oratorio troverete le suggestive cellette di Celestino e del Beato Roberto da Salle e, proseguendo oltre, gli ambienti più recenti e l’accesso ad una piccola terrazza, sul lato destro dell'eremo,con una vista mozzafiato a strapiombo sulla valle. Al di sotto della chiesa la grotta del Santo ospita un giaciglio, la "Culla di Sant'Onofrio", in cui secondo la tradizione popolare, coricarsi aiuterebbe a guarire dai dolori. Nella grotta la pietra conserva uno strano calore e i fedeli raccolgono l’acqua che filtra dalla parete, ritenuta taumaturgica.

GALLERIA FOTOGRAFICA

Informazioni aggiuntive

  • Nome: Eremo di Sant'Onofrio al Morrone
  • Comune: Sulmona (AQ)
  • Indirizzo: Contrada Morrone, 67039 Sulmona AQ, Italia
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
5
6
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
26
27
28
29
30

Aterno GAS & POWER

Responsabile territoriale:

Nino D'Andreamatteo

Aterno Gas & Power

Via Circonvolazione Orientale, 122

Pratola Peligna (AQ)


 Apicoltura "COLLE SALERA"

Produzione Miele Biologico

Apicoltura Colle Salera - Produzione Miele Biologico


2C COMPUTERS

INFORMATICA-UFFICIO-SERVIZI

biglietto 2c

www.2ccomputers.com

barra pelignanet